Entry level

COSA SONO VG E PG?

COSA SONO VG E PG?

 

 

Due elementi chiave nel mondo del vaping sono sicuramente VG e PG, essi compongono, infatti, la base dei liquidi.

Vediamoli insieme, studiamo le loro qualità e cerchiamo di capire quali sono le loro caratteristiche.

 

Cominciamo a vedere insieme il VG o glicerolo vegetale.

 

 

 

 

 

 

Quello che devi sapere sul VG è che, innanzitutto si tratta di una sostanza non tossica che viene utilizzata da sempre in ambito alimentare.

 

Nulla di nuovo quindi?

 

Esatto, si tratta di una sostanza che è sempre stata utilizzata nella conservazione degli alimenti, per i cosmetici (esempio: creme per le mani, dentifricio ecc ecc…), in prodotti farmaceutici (come ad esempio gli sciroppi per la tosse) per mantenere le cose umide e in alcuni ambiti anche da solvente in caso di aromi e coloranti alimentari.

 

 

Adesso passiamo al glicole propilenico.

 

 

Il PG o glicole propilenico è anch’essa una sostanza destinata al consumo alimentare per uomini e animali  e farmaceutico, la sua capacità di essere vaporizzata in tutta facilità ha reso possibile il suo impiego in campo medico negli inalatori per l’asma e come il VG è utile come conservante, solvente e per mantenere le cose umide.

 

Mi dirai: ok, ma andiamo nello specifico, nello svapo quali sono le loro caratteristiche?

 

Ti accontento subito, partiamo analizzando tutte le caratteristiche del VG nello svapo.

 

 

CARATTERISTICHE VG:

 

  • Produzione immensa di vapore;
  • Hit (colpo in gola) molto meno pronunciato;
  • Sostanza nettamente più densa e viscosa del PG;
  • Non da problemi di allergie o intolleranze;
  • Impregna molto più difficilmente le resistenze dell’atomizzatore;
  • Cattivo conduttore di aromaticità.

 

 

 

Ora vediamo insieme quelle del PG.

 

 

CARATTERISTICHE PG:

 

  • Produzione vapore nettamente inferiore;
  • Hit molto pronunciato;
  • Sostanza liquida;
  • Può causare lievi allergie o intolleranze;
  • Consente di impregnare le coil più facilemente;
  • Ottimo conduttore di aromaticità.

 

 

Ora volevo vedere bene con te queste caratteristiche spiegandoti in maniera più dettagliata con questi punti.

 

Adottando un liquido con un’alta percentuale di VG avrai sicuramente un’elevata produzione di vapore, infatti il glicerolo vegetale è spesso impiegato per fare giochi di vapore, nuvoloni e trick, insomma per divertirsi un po’. Il VG è indicato a chi pratica il cloud chasing. Al contrario, il PG non ti farà fare nuvoloni immensi, il vapore sarà molto meno denso e umido.

 

Veniamo al secondo punto, l’Hit in gola. Questa sensazione di colpo in gola è molto ricercata se hai appena smesso di fumare, in quanto questa è un a sensazione tipica delle sigarette tradizionali, quindi se sei all’inizio è sempre meglio acquistare liquidi o basi con una buona quantità di PG. Nel VG l’Hit è quasi assente, hai un tiro nettamente più liscio e delicato.

 

Il VG risulta nettamente più denso e viscoso e garantisce meno problemi di perdita dall’atomizzatore, al contrario del PG che è molto più liquido.

 

Il PG molto raramente ha dato sfogo a piccole reazioni allergiche, niente che non puoi risolvere, cose da nulla ma è bene che te lo dica. Senza contare che alcune persone avvertono un piccolo bruciore in gola. Se questi due casi insorgono, il mio consiglio è sicuramente quello di passare ad una base o ad un liquido con una concentrazione di PG molto più bassa, insomma, una base o un liquido con alta concentrazione di VG, quest’ultimo, infatti, non provoca nessun tipo di disturbo. Non ti spaventare se ai primi tiri con la sigaretta elettronica tossisci eh! Un po’ di tosse è assolutamente normale, non sei ancora abituato ed è normale che accada, nemmeno ti voglio raccontare la mia prima esperienza, scoppieresti a ridere!

 

Per quanto riguarda il fatto di impregnare meno il cotone, bè è abbastanza normale, il PG, essendo più liquido ha una maggior assimilazione all’interno del cotone e quindi con liquidi o basi dotati di una buona concentrazione di PG avrai vita facile a far partire la resistenza! Un liquido con alta concentrazione di VG avrà un’alimentazione più difficoltosa, proprio perché essendo più denso faticherà a inzuppare bene le resistenze. Attento quindi, perché la stecca è sempre in agguato, potresti avere una brutta esperienza, il cotone non è molto buono da svapare, anche qui parlo per esperienza personale! Naturalemente, scherzi a parte, una buona attivazione delle coil non ti dovrebbe procurare problemi.

 

Ora veniamo all’ultimo punto, ma non per questo il meno importante, anzi!

Il PG è un ottimo conduttore di aroma, infatti nelle diluizioni dell’aroma in una base, è sempre consigliato ridurre un pochino la concentrazione di aroma in una base con elevato quantitativo di PG, proprio perché quest’ultimo veicola meglio l’aroma e consente anche ai liqudi di essere pronti in maniera più rapida.

Al contrario, il VG, è un cattivo conduttore di aromaticità, le molecole dell’aroma troveranno più difficoltà a legarsi con le molecole della base ad alta concentrazione di VG.

 

 

 

Ora ti mostro le basi più comuni sul mercato:

 

 

  • Base 50% PG e 50% VG;
  • Base 60% VG e 40% PG;
  • Base 70% VG e 30% PG;
  • Base 80% VG e 20% PG;
  • Full VG (100% VG).

 

 

Alla base di tutto questo, ciò che mi sento di consigliarti è di fare la scelta della base secondo le tue esigenze. Se sei un neofita, ti consiglio di partire con una base con una buona concentrazione di PG, in modo da avere un buon hit e un sapore più forte. Magari una base 50 e 50 o al massimo una 60/40.

Se invece hai già smesso di fumare da un po’ e desideri cimentarti nella produzione di nuvoloni pazzeschi allora il prodotto che fa per te è sicuramente una base con un’alta percentuale di VG. Il mio consiglio è la base 70/30 o 80/20.una base con un’alta percentuale di VG. Il mio consiglio è la base 70/30 o 80/20.

Ora che sai tutto su PG e VG, direi che sei quasi pronto per cimentarti con le tue ricette e prepararti il tuo primo liquido. L’unica cosa che ti separa dal tuo traguardo è leggerti la mini guida su: “LIQUIDI FAI DA TE, COME FARLI E QUALI COMPONENTI UTILIZZARE.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami